Arredare casa 5 consigli utili

Scegliere l’arredamento giusto per la propria casa può essere stressante ed è facile lasciarsi trasportare dall’euforia da shopping, senza avere le idee chiare.

Leggi i nostri 5 consigli che dovresti conoscere per arredare la tua casa.

Arredare casa significa dare sfogo alla propria fantasia e creatività: è un momento delicato perché ci sentiamo in dovere di creare un nido accogliente che rispecchi il più possibile il nostro gusto e la nostra personalità, ma anche un momento divertente e leggero che può nascondere belle sorprese e potenzialità che non credevamo di avere.

Tutt’altro che operazione semplice, arredare casa può nascondere molte insidie, soprattutto, se siamo alle prime armi o in caso in cui avessimo riposto troppe aspettative nella nostra futura casetta.

Una certa predisposizione al buon gusto può sicuramente aiutare, così come un occhio capace di cogliere i dettagli e creare un quadro d’insieme armonico. 

Per chi, invece, non sapesse davvero da dove iniziare, abbiamo pensato di mettere nero su bianco qualche piccolo consiglio “base” per evitare gli errori più grossolani e quelli che più comunemente si commettono quando ci si appresta ad arredare casa partendo da zero. 

Arredare casa 5 consigli utili

Si comincia!

1 NO alla fretta, SI alla ricercatezza

La casa perfetta è proprio quella imperfetta, piena di oggetti cercati, desiderati e infine trovati!

Il primo consiglio che bisognerebbe dare a chi si appresta a progettare l’arredamento della propria abitazione è quello di non pretendere la perfezione assoluta e di non avere fretta nel voler vedere subito tutto pronto e finito.

La fretta è sempre un cattivo nemico, a maggior ragione quando si arreda casa: per creare un ambiente accogliente, familiare e rispettoso della propria personalità ci vuole tempo e fatica, non ci si può certo accontentare del primo pezzo d’arredo qualunque pur di riempire la casa e vederla finita!

Meglio un ambiente inizialmente vuoto, incompleto o imperfetto, che una casa piena di oggetti d’arredamento scelti frettolosamente e senza amore.

Perciò, prenditi tutto il tempo necessario per arredare la tua casa dei sogni, sii paziente, segui il tuo intuito e, nel dubbio, rimanda la scelta fino a che troverai il tuo colpo di fulmine!

2. Personalizzate la casa ancora vuota

Per non sbagliare segui il tuo istinto: se qualcosa non ti piace non accontentarti, cambiala.

Prima di riempire la casa di mobili e complementi d’arredo, osserva con attenzione la casa vuota e immagina quali elementi di personalizzazione potresti introdurre per sentirla un po’ più tua.

Si tratta di cambiare qualcosa che non ci convince, come, ad esempio, il pavimento di una determinata stanza, le piastrelle del bagno, le porte, le finestre o la disposizione degli ambienti. In alcuni casi si renderà necessario qualche lavoretto, più o meno impegnativo, altre volte per personalizzare la casa secondo il nostro gusto basterà semplicemente coprire il pavimento che non ci piace con un laminato effetto parquet, oppure colorare le pareti di alcuni ambienti chiave della casa (camera da letto? studio? Living?).

3. Privilegia la praticità

La bellezza è importante, lo stile e il buon gusto vanno ricercati in tutto, dal grande pezzo d’arredamento al piccolo dettaglio che nessuno (apparentemente) noterà.

Però, attenzione a non creare un effetto museo! 

Come abbiamo già sottolineato, in una casa la perfezione finta va sempre evitata, così come un’ostentazione eccessiva di oggetti e mobili belli da vedere ma inutili o scomodissimi da usare.

Esempio: a cosa serve avere un pregiatissimo divano del XVII secolo se, poi, è così scomodo che nessuno avrà piacere di sedervisi?

A cosa serve una libreria dal design così stravagante da non potervi riporre neanche un libro?

Con ciò non vogliamo dire che l’arredamento deve essere solo pratico e funzionale, a discapito di pezzi d’arredo di design e dal forte impatto scenico.

Al contrario, quest’ultimi possono rappresentare un valore aggiunto per la casa, a patto che si mescolino in maniera armonica e complementare ad un arredamento che, nel suo insieme, deve risultare prima di tutto pratico e comodo per chi lo vive.

 “Ambiente pratico” significa anche scegliere con attenzione la destinazione d’uso di ciascuna stanza. 

Lo studio, ad esempio, dovrebbe essere collocato nella stanza più luminosa, la camera da letto nell’angolo più silenzioso e appartato, la cucina prossima alla sala da pranzo e così via.

4 Non mischiate troppi stili 

Basta un solo oggetto stonato per rovinare la visione d’insieme!

Se è sbagliato arredare in modo standardizzato e frettoloso, appiattire il proprio gusto, negare un tocco personale, uniformare la scelta dei mobili al punto da trasformare la propria casa nell’esposizione monomarca di un mobilificio, altrettanto sbagliato è creare una barbara e inconcludente accozzaglia di stili.

Non lasciarti condizionare da mode e tendenze, cerca di tenere fermo il tuo obiettivo e, sulla base della struttura della tua casa, del tipo di esposizione, delle atmosfere che desiderate ricreare e (di nuovo!) del tuo istinto, opera delle scelte congrue allo stile che hai in mente.

Per creare uno stile personale e coerente, ma non banale e piatto, cerca di non trascurare nulla: pavimentazione, infissi, colore delle pareti, tessili (cuscini, tende, tappeti, biancheria da letto), mobili, divani, complementi, lampade, oggetti decorativi, quadri, specchi.

Basta un solo oggetto stonato per rovinare la visione d’insieme!

Una volta che hai creato il tuo stile, divertiti ad introdurre qua e là qualche “elemento di rottura” sapientemente scelto: il risultato sarà unico e personalissimo!

5 Allestite una buona illuminazione

La vera protagonista della tua casa è la luce!

Un elemento che spesso viene trascurato nell’arredamento della casa è l’illuminazione.

Perciò, un consiglio che ritengo utile darti è quello di pensare alla luce come alla vera protagonista della tua casa.

Se hai la fortuna di abitare in una casa ben esposta e illuminata dalla luce naturale del sole, nel progettare l’arredamento di ogni singolo ambiente fai attenzione a dotarlo di un corretto sistema d’illuminazione.

Entrare in una casa buia o illuminata in maniera non uniforme, fa sempre un brutto effetto e rischia di condizionare in negativo anche il giudizio sul resto della casa.

In base allo stile e alla tipologia della stanza, scegli l’illuminazione più appropriata, non limitandoti ad un solo punto luce (il classico lampadario da soffitto), ma prevedendo diversi punti d’illuminazione: faretti per illuminare le librerie o i pensili della cucina, una bella lampada da terra tra la poltrona ed il mobile tv, una o più lampade da tavolo da posizionare sulle scrivanie, sulle madie, sui mobili bassi in salotto o sulle cassettiere delle camere da letto.

Se anche tu stai arredando la tua casa e vuoi evitare errori, perdite di tempo e spreco di denaro

Richiedi ora una consulenza Dezeen.it GRATUITA oppure on line

Clicca qua sotto


CLICCA QUI

Maurizio-Gobbin-Interior-Designer

Se stai leggendo questo blog vuol dire che sei interessato a sapere qualcosa in più su Dezeen.it

Dezeen.it è il primo studio di interior design Roma che ti segue dalla consulenza alla progettazione fino consegna delle chiavi.

Tengo molto a condividere con te informazioni che riguardano l‘interior design e l’arredamento, sto lavorando duramente per darti informazioni di altissima qualità.